Venerdì 28 Luglio 2017

Giurisprudenza e commenti

Notifiche via PEC: Tribunale di Mantova crea precedente favorevole

Il Tribunale di Mantova, con sentenza n. 98 del 03.06.2014, pronunciando su un’opposizione a decreto ingiuntivo, ha creato un nuovo precedente favorevole alle notifiche in proprio via PEC ex lege 53 del 1994.
L’opponente eccepiva l’incostituzionalità dell’art. 6 c.2 del DPR 68/2005, secondo cui la notifica si perfeziona per il destinatario con la produzione della Ricevuta di Avvenuta Consegna. Il Giudicante ha, comunque, ritenuto perfettamente valida la notifica, reputando l’opposizione inammissibile.

Allegati:
Scarica questo file (Trib-Mantova-notifica_PEC_n_98_3.6.2014.pdf)Trib_Mantova_3_6_2014227 kB445 Downloads19:59 22-06-2015

LEGGI TUTTO: Notifiche via PEC: Tribunale di Mantova crea precedente favorevole

PCT, deposito telematico esteso a tutti gli atti: l’ordinanza del Tribunale di Vercelli

Secondo il Tribunale di Vercelli il deposito telematico può intendersi esteso a qualsiasi tipologia di atti, ancorché non compreso tra quelli indicati quali obbligatori o facoltativi nel D.L. 90/2014 (conv. L. 114/2014), restando irrilevante l’elencazione eventualmente contenuta nel decreto dirigenziale affidato al DGSIA. Deve, in tal caso, privilegiarsi l’intervenuto raggiungimento dello scopo a cui è destinato l’atto. L’eventuale utilizzo di un formato non rispondente ai formati descritti per il deposito telematico costituisce mera irregolarità, non rinvenendosi alcuna sanzione di nullità, necessitante di espressa previsione di legge.

Con ordinanza del 31 luglio 2014, il Tribunale di Vercelli aderisce ad un coraggioso orientamento, finora sostenuto (seppur non univocamente) da alcuni studiosi del PCT e preordinato ad ampliare il campo di operatività dei depositi telematici, senza forzare il dato normativo ma, anzi, aderendo letteralmente al  testo di legge.

Allegati:
Scarica questo file (Tribunale Vercelli 04.08.2014 deposito introduttivi e pdf immagine.pdf)Ord Tribunale di Vercelli, 31.07.201460 kB517 Downloads19:49 22-06-2015

LEGGI TUTTO: PCT, deposito telematico esteso a tutti gli atti: l’ordinanza del Tribunale di Vercelli

Commissione Tributaria Grosseto 23 febbraio 2015 - Prova della notificazione via pec

Commissione Tributaria Provinciale di Grosseto – Provvedimento 23 febbraio 2015.

Da annullare la cartella esattoriale notificata via PEC qualora la prova dell’avvenuta notificazione sia data unicamente in forma cartacea.

Di interesse ed attualità è la recente pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Grossetoin materia di prova dell’avvenuta notificazione via PEC.

Nel caso oggetto di esame la società Equitalia aveva provveduto alla notificazione, nei confronti della società opponente, di una cartella esattoriale tramite posta elettronica certificata.

A seguito dell’opposizione della società de qua in ordine alla mancata corretta notificazione della cartella in questione, Equitalia aveva depositato una stampa cartacea della ricevuta di accettazione e consegna del messaggio PEC, confidando che ciò potesse bastare a comprovare l’avvenuta corretta ricezione del messaggio di posta certificata da parte del destinatario.

La Commissione Tributaria Provinciale di Grosseto ha ritenuto che il ricorso dovesse essere accolto stante l’assenza di prova della regolare notifica della cartella esattoriale.

La difesa di Equitalia, infatti, ha depositato in giudizio unicamente copia cartacea di un messaggio mail (che asseritamente avrebbe contenuto la prova dell’avvenuta notificazione via PEC) proveniente da un’addetta all’ufficio ed indirizzato al legale della società e non invece le ricevute di accettazione e di consegna in formato nativo digitale che avrebbero permesso alla Commissione Tributaria di avere piena conoscenza dell’esito della notificazione.

La pronuncia in oggetto, quindi, ha il merito di evidenziare quella che da sempre, almeno per gli studiosi di informatica giuridica, è una summa divisio, ossia, quella fra documento analogico e documento digitale, definiti dall’art. 1 del Codice dell’Amministrazione Digitale rispettivamente come: “la rappresentazione non informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti” e “la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti”

Entrambe tali tipologie di documento sono portatrici di elementi propri che, nel momento in cui il formato del documento muta, possono essere parzialmente o totalmente perse.

Pensiamo, tanto per fare un esempio classico, al testamento olografo redatto dal de cuius e di cui sia effettuata una scannerizzazione: tale file, risultante dall’opera di digitalizzazione, non potrà mai essere oggetto di perizia calligrafa da parte di un perito, semplicemente perché il documento scannerizzato non darà indicazioni in ordine alla pressione della penna sul foglio, in ordine alla qualità e conservazione della carta su cui è stato redatto il documento, etc…. Sostanzialmente, quindi, il documento analogico recherà con se informazioni che andranno a perdersi a causa del processo di digitalizzazione (scannerizzazione).

Medesima riflessione può essere proposta per il file digitale che venga stampato, poiché, anche in questo caso, il procedimento di stampa eliminerà tutta una serie di “di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti” (per dirlo con le parole del CAD) che invece nel documento digitale erano presenti.

Tornando al caso oggetto di analisi, ad esempio, i file della ricevuta di accettazione e di consegna (solitamente salvati nei formati .eml oppure .msg) sarebbero stati documenti informatici idonei a comprovare l’avvenuta ricezione della cartella esattoriale notificata via PEC, mentre lo stesso non può dirsi per le stampe di dette ricevute che, di fatto, non solo non sono in grado di comprovare cosa sia stato effettivamente allegato al messaggio PEC oggetto di analisi (ricordo ai lettori che all’interno della ricevuta di consegna completa di un messaggio PEC è sempre allegato il messaggio originale inviato al destinatario) ma che oltretutto rappresentano – a tutti gli effetti – dei semplici fogli di carta dei quali non è possibile in alcun modo riconoscere l’origine. I documenti in questione, in effetti, ben potrebbero essere stati artatamente creati attraverso programmi di redazione testo oppure di fotoritocco.

In conclusione Equitalia avrebbe dovuto depositare in giudizio la stampa delle ricevute munite di attestazione di conformità da parte di un Pubblico Ufficiale (come ad esempio è espressamente previsto anche per gli Avvocati che notificano in proprio ex art. 9 comma 1bis L. 53/1994) oppure – molto più semplicemente - depositare i file digitali delle ricevute de quibus.

Allegati:
Scarica questo file (Commissione Tributaria Grosseto febbraio 2015.pdf)Commissione Tributaria Grosseto 23 febbraio 2015489 kB417 Downloads07:59 11-05-2015

Questo sito utilizza i cookies per migliorare le funzioni ed i servizi offerti agli utenti. Clicca su ACCETTO per consentire l'acquisizione dei cookies (l'operazione verrà memorizzata sul tuo browser finchè non provvederai all'eliminazione dei dati). Cliccare sul tasto a destra per ulteriori informazioni sui cookies e sulla policy della privacy applicata su questo sito.

  Accetto i cookies provenienti da questo sito