Lunedì 25 Settembre 2017

logo top 

Il Centro Studi Processo Telematico

Rilevato

che nella data del 5 maggio 2017 il Governo ha annunciato il decreto legislativo contenente la “Riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace, nonché disciplina transitoria relativa ai magistrati onorari in servizio, a norma della legge 29 aprile 2016, n. 57 (decreto legislativo – esame preliminare)”,

che tale riforma, se recepisse integralmente le disposizioni della legge delega, aumenterebbe il valore delle cause di competenza dei Giudici di Pace a € 30.000,00,

Osserva

che presso i Giudici di Pace non è ancora attivo il processo telematico e che, pertanto, tutti i procedimenti di nuova competenza del Giudice di Pace ritornerebbero cartacei, compresi i decreti ingiuntivi, comportando il ritorno di inefficienze e ritardi nel sistema giustizia e annullando i benefici che il processo telematico ha introdotto nelle tempistiche di definizione e nell’efficienza del sistema

Auspica

che il Governo voglia subordinare l’entrata in vigore delle nuove competenze alla completa realizzazione dell'infrastruttura del PCT presso gli uffici del Giudice di Pace ed alla  effettiva attivazione delle relative funzionalità.

 

La Presidente – avv. Valentina Carollo e Tutti i soci del CSPT

Allegati:
Scarica questo file (comunicato CSPT GdP.pdf)Comunicato CSPT su Riforma dei Giudici di Pace e Processo Telematico489 kB206 Downloads10:42 06-05-2017

Questo sito utilizza i cookies per migliorare le funzioni ed i servizi offerti agli utenti. Clicca su ACCETTO per consentire l'acquisizione dei cookies (l'operazione verrà memorizzata sul tuo browser finchè non provvederai all'eliminazione dei dati). Cliccare sul tasto a destra per ulteriori informazioni sui cookies e sulla policy della privacy applicata su questo sito.

  Accetto i cookies provenienti da questo sito